commercioambulante.forumattivo.com

Forum aperto a tutti gli operatori su area pubblica per problematiche, prospettive, innovazione e promozione dei mercati e delle fiere.


    IL commento in sintesi dell'assessore a sviluppo e programmazione del comune di Firenze

    Condividere
    avatar
    Fabrizio
    Utente Assiduo
    Utente Assiduo

    Numero di messaggi : 140
    Età : 52
    Località : Empoli
    Data d'iscrizione : 09.01.09

    IL commento in sintesi dell'assessore a sviluppo e programmazione del comune di Firenze

    Messaggio Da Fabrizio il Mer 7 Lug 2010 - 23:57

    L'assessore Billi con delega a sviluppo e programmazione aproposito dei mercati dice: "Sono un presidio importante per il territorio".
    “Un’indagine importante e utile, soprattutto per chi, come i Comuni, deve fare direttamente la programmazione del settore”. Così l’Assessore provinciale a Sviluppo e Programmazione, Giacomo Billi, ha introdotto la ricerca compiuta dall’Osservatorio del commercio su area pubblica, realizzato da Anva - Confesercenti, Fiva - Confcommercio, Cisl – ambulanti e CNA attraverso l’Osservatorio Economico di Confesercenti con il contributo della Provincia di Firenze.

    I mercati
    I mercati più strutturati come quantità di posteggi sono localizzati a Firenze: quello settimanale delle Cascine (314 posteggi) e quello giornaliero di San Lorenzo (275 posteggi). Nel resto della provincia i mercati più dotati di posteggi risultano essere Sesto Fiorentino (158) e Scandicci (156).
    “Vorrei sottolineare il valore sociale dei mercati ambulanti – ha aggiunto l’Assessore Billi - che è simile a quello dei negozi di vicinato. Il commercio su area pubblica rappresenta un presidio importante per il territorio, al di là dell’intrinseco valore economico e del fattore occupazionale. Una tradizione preziosa che serve anche per mantenere un modello di sviluppo capace di evitare la desertificazione delle città”.

    Il rapporto
    Lo studio compiuto dall’Osservatorio ha avuto come oggetto l’analisi demografica delle imprese del settore, l’evoluzione delle vendite del commercio su area pubblica aggiornata al quarto trimestre 2009, analizzata attraverso il confronto tendenziale tra i fatturati prodotti dal campione di imprese nei primi quattro trimestri del 2009 con lo stesso periodo del precedente anno.
    Rispetto agli anni precedenti, nel 2009 il fatturato complessivo del comparto diminuisce in maniera molto significativa (-11,59% rispetto all’anno precedente). E’ soprattutto il settore moda quello meno performante (-14,11%), mentre riducono leggermente le perdite sia i casalinghi (-9,76%) che gli altri beni non alimentari (-8,38%). Ugualmente negativa, ma di minore intensità, risulta la percentuale del settore alimentare (-8,25%). Rimangono stabili gli acquisti (+0,03%) ma aumenta il costo dei magazzini (+7,45%) ed i costi fissi (+5,77%), che vanno ad incidere pesantemente sul calo degli utili, che nel 2009 segnano un -9,17%. Lieve diminuzione per lo stock delle imprese (da 3011 a 2730, pari a -3,82%) mentre si ferma al 16% il tasso di turnover.

    I clienti
    Lo studio è poi andato a fotografare l’utenza che frequenta i mercati, sia per quanto riguarda la provincia, sia, più specificamente, i mercati rionali fiorentini. Se in provincia due clienti su tre risultano essere donne (64,44%), così come i clienti residenti nel comune (63,33%), a Firenze la percentuale femminile sale al 74%, ed i clienti-residenti balzano all’87%.
    Divergenti anche le percentuali sulle professioni che più frequentano i mercati: in provincia sono in maggior parte impiegati (42,2%) e casalinghe (32,2%), mentre nel capoluogo quasi la metà è composta da pensionati (49%). Esattamente il doppio, infine, il dato fiorentino sul mezzo di trasporto: va a piedi, infatti, il 61% dei clienti, contro il 30% in provincia.


    _________________
    Mercati Fissi:
    Castelfranco - Poggibonsi - Colle Val d'Elsa - Ponte a Egola
    ------------------------------

    BancoBlog - BancoLupi.it


      La data/ora di oggi è Mer 18 Ott 2017 - 16:06