commercioambulante.forumattivo.com

Forum aperto a tutti gli operatori su area pubblica per problematiche, prospettive, innovazione e promozione dei mercati e delle fiere.


    I FAMILIARI possono collaborare senza obbligo di assicurazione

    Condividere
    avatar
    Fabrizio
    Utente Assiduo
    Utente Assiduo

    Numero di messaggi : 140
    Età : 52
    Località : Empoli
    Data d'iscrizione : 09.01.09

    I FAMILIARI possono collaborare senza obbligo di assicurazione

    Messaggio Da Fabrizio il Mar 16 Lug 2013 - 17:23

    Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – Direzione Generale Attività Ispettive - ha fornito chiarimenti in ordine alla corretta interpretazione della disciplina sulle prestazioni di natura occasionali rese dal familiare in ambito imprenditoriale nei settori artigianato, commercio ed agricoltura.
    Finalmente il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – Direzione Generale Attività Ispettive - ha fornito chiarimenti in ordine alla corretta interpretazione della disciplina sulle prestazioni di natura occasionali rese dal familiare in ambito imprenditoriale nei settori artigianato, commercio ed agricoltura.
    In particolare, la questione riguarda la possibilità per l’imprenditore, rientrante in uno dei citati settori, di utilizzare l’attività di familiari, siano essi titolari di altro rapporto di lavoro, o pensionati, o soggetti che non svolgano tale attività in modo prevalente o continuativo, a titolo di collaborazione meramente occasionale, senza necessità di assolvere gli obblighi nei confronti dell’Istituto previdenziale competente.
    Nella circolare viene fatto presente che spesso la collaborazione prestata all’interno di un contesto familiare viene resa in base ad un legame solidaristico ed affettivo che si articola nel vincolo coniugale, di parentela e di affinità che non prevede la corresponsione di alcun compenso. Inoltre, la circostanza che il lavoro sia reso da un familiare contribuisce a determinare, in molti casi, la natura occasionale della prestazione lavorativa, così da escludere l’obbligo di iscrizione del familiare presso l’Ente di previdenza.
    Secondo quanto indicato dal competente ministero, nell’ambito delle collaborazioni occasionali rese in base alle suddette motivazioni, possono essere ricondotte le prestazioni rese:
    a- dai pensionati, i quali non possono garantire al familiare che sia titolare o socio dell’impresa un impegno con carattere di continuità;
    b- dal familiare impiegato full time presso altro datore di lavoro, considerato residuale e limitato il tempo a disposizione per svolgere altre attività o compiti con carattere di prevalenza e continuità presso l’azienda del familiare.
    Nei casi sopra citati, la collaborazione del familiare è, quindi, da considerarsi “presuntivamente” di natura occasionale.
    Un ulteriore parametro, utile al riscontro dell’occasionalità nelle collaborazioni familiari, caratterizzate dalla non sistematicità e stabilità dei compiti espletati (non abitualità della prestazione), può essere desunto dalla disposizione di cui all’art. 21, comma 6 ter, Legge n° 326/03 e succ. modif. (specifico per il settore dell’artigianato), che fissa in 90 giorni nel corso dell’anno il limite temporale massimo di collaborazione occasionale e gratuita prestata nel caso in cui il familiare sia impossibilitato al lavoro. Tale parametro, ha precisato il Ministero, può essere ragionevolmente applicato agli artigiani, al commercio e al settore agricolo, considerati i comuni aspetti previdenziali.
    Pertanto, viene indicato che, nei diversi contesti settoriali, appare opportuno legare la nozione di occasionalità al limite quantitativo dei 90 giorni, intesi come frazionabili in ore, ossia 720 ore nel corso dell’anno solare.


    _________________
    Mercati Fissi:
    Castelfranco - Poggibonsi - Colle Val d'Elsa - Ponte a Egola
    ------------------------------

    BancoBlog - BancoLupi.it


      La data/ora di oggi è Gio 21 Set 2017 - 0:42